24 gennaio 2022

La Rendita Integrativa Temporanea Anticipata può essere chiesta insieme all'Anticipo Pensionistico (APE Agevolata o Volontaria) oppure da sola: con la RITA si può attenuare la rata di rimborso del prestito pensionistico in caso di APE che preveda il rimborso totale o parziale (se non previsto che sia a carico dello Stato) o chiedere un Anticipo Pensionistico meno oneroso perché appunto integrata da un anticipo sulla pensione integrativa.

Pensione Opzione Donna prorogata per il 2022, la possibilità per le lavoratrici dipendenti e autonome di andare in pensione anticipata con ricalcolo contributivo. Infatti la Legge di Bilancio 2022 elaborata contiene, tra i vari interventi in materia previdenziale, anche la proroga di Opzione Donna, che fa rientrare nel regime anche le lavoratrici autonome nate entro il 31 dicembre 1962 e le lavoratrici dipendenti nate entro il 31 dicembre 1963, che abbiano raggiunto i 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2021.
23 gennaio 2022

Quota 41 per precoci non è una pensione anticipata per tutti i lavoratori precoci con 41 anni di contributi: la pensione a Quota 41 è per precoci disoccupati, invalidi, addetti a lavori usuranti o mansioni gravose, che devono assistere parenti disabili. In pratica Quota 41 è uno sconto degli anni di contributi per la pensione anticipata: un anno e 10 mesi per i lavoratori precoci e 10 mesi per le lavoratrici precoci in situazioni di difficoltà.

L'adeguamento delle pensioni, o perequazione, è la rivalutazione dell'importo all'aumento del costo della vita, ovvero la rivalutazione delle pensioni in base al tasso di inflazione rilevato dall'Istat ogni anno. Lo schema di perequazione è a fasce di importo, a cui si applica una percentuale del tasso di inflazione: la rivalutazione pensioni non prevede che si applichi a tutti lo stesso tasso, ma più è elevato l'importo e minore è la percentuale di aumento.
20 gennaio 2022

I requisiti per la pensione anticipata sono regolati dalla Legge Fornero per quel che riguarda età e contributi: in particolare per questi ultimi ci sarebbe un progressivo aumento dovuto all'adeguamento all'aspettativa di vita, bloccato però fino al 2026. C'è anche una parziale deroga per lavori gravosi, usuranti e notturni, che consentono di andare in pensione anticipata a chi li ha svolti per almeno 7 anni negli ultimi 10 di lavoro,

A che età posso andare in pensione? La domanda è più che lecita perché l'età per la pensione di vecchiaia aumenta per adeguamento all'aspettativa di vita, sia per i lavoratori che per le lavoratrici. Tuttavia dal 2019 è stato introdotto un blocco all'aumento dell'età pensionabile, valido fino al 2025 salvo modifiche, grazie al quale anche nel 2022 l'età per andare in pensione è 67 anni per uomini e donne, con almeno 20 anni di contributi.