20 agosto 2018

Voucher Libretto Famiglia per Lavoro Occasionale Accessorio

I voucher Libretto Famiglia sono i voucher Inps per lavoro accessorio occasionale dedicato a famiglie e società sportive: tutte le regole in questa guida aggiornata con le novità 2018.
I voucher per lavoro occasionale Libretto Famiglia possono essere utilizzati dalle famiglie per pagare lavoretti come giardinaggio, pulizie e simili, ripetizioni scolastiche, baby sitting o assistenza ad anziani e invalidi, per ricevere il bonus baby sitter, e - novità 2018 - dalle società sportive per pagare gli steward negli stadi. Queste prestazioni di lavoro accessorie erano pagate in precedenza coi buoni lavoro - voucher Inps, sostituiti nel 2017 dai voucher Libretto Famiglia e dai voucher PrestO per piccole aziende e professionisti: il Decreto Dignità del 2018 ha modificato alcune norme dei secondi voucher, invece i Libretto Famiglia non hanno subito modifiche. Questa guida è aggiornata con tutte le norme attualmente in vigore.

I nuovi voucher Inps per famiglie e società sportive sono un contratto di prestazione di lavoro accessorio occasionale: non esiste alcuna forma cartacea dei voucher perché la registrazione del lavoratore, le comunicazioni obbligatorie sulla prestazione e il pagamento avvengono online. Come i voucher PrestO, anche i voucher Libretto Famiglia sono regolati dalle norme dell'art. 54 bis del D.L. 50/2017.

Ci sono diversi ambiti e limiti di utilizzo dei voucher delle due tipologie, ma in comune i buoni-lavoro hanno questi elementi:
  • chi viene pagato coi voucher non deve pagare le tasse su quanto guadagnato e non deve indicarli nella dichiarazione dei redditi
  • il committente (datore di lavoro) non ha diritto a sgravi fiscali su quanto pagato coi voucher
  • ci sono limiti di ore lavorate come prestazione occasionale e di pagamento, ma diversi per i due tipi di buoni lavoro
  • non incidono sullo status di disoccupato, quindi come coi vecchi buoni-lavoro Inps è possibile svolgere prestazioni occasionali ed essere pagati coi voucher prendendo l'indennità di disoccupazione
  • non erogano contributi validi per il calcolo dell'indennità di disoccupazione
  • danno diritto ai contributi per la pensione, che finiscono nella Gestione Separata INPS (cfr più sotto)
  • comprendono l'assicurazione Inail per gli infortuni sul lavoro; inoltre va specificato che anche con le prestazioni di lavoro accessorio occasionale si hala copertura assicurativa per il tragitto casa-lavoro
Attivazione voucher Libretto Famiglia - Data la differente natura dei soggetti a cui si rivolge rispetto ai voucher PrestO, la procedura di richiesta è diversa e più elastica. Anche in questo caso occorre che datore di lavoro e prestatore si registrino sul sito dell'INPS, ma poi la comunicazione su inizio, durata e luogo del lavoro, tipologia del lavoro, compenso pattuito, dati identificativi del prestatore, deve avvenire entro il giorno 3 del mese successivo allo svolgimento della prestazione occasionale. Anche in questo caso è possibile avvalersi della procedura online oppure tramite il call center dell'INPS o anche patronato.

Per pagare quali lavori si possono usare i voucher Libretto Famiglia - Le prestazioni occasionali che una famiglia può pagare con questi voucher sono le seguenti:
  • piccoli lavori domestici, ad esempio giardinaggio, pulizia o manutenzione (quindi anche la colf)
  • servizi prestati da babysitter e badanti per assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o disabili
  • insegnamento privato supplementare (ripetizioni, tutoraggio)
  • per le società sportive: pagare gli steward allo stadio, senza limiti sul numero di steward da pagare
Sul Libretto Famiglia è erogato il bonus baby sitter per mamme lavoratrici a partire dal 1 gennaio 2018 (se appunto si dichiara di usarlo per pagare una baby sitter, se invece per pagare l'asilo nido viene erogato direttamente alla struttura).

voucher libretto famiglia per lavoro occasionale accessorioLimiti voucher Libretto Famiglia: pagamento e importo - Ogni ora di lavoro segnata sul Libretto Famiglia viene pagata 8€ netti al lavoratore, il datore invece sborsa 10€ perchè ci sono 1.65€ di contributi previdenziali nella Gestione Separata INPS, 0.25€ di assicurazione INAIL e 0.10€ di spese gestionali. Vale sia per le famiglie che per le società sportive.

Il massimo che il lavoratore può incassare in un anno è 5000€ (e quindi può svolgere al massimo 625 ore come totale) tra tutti i committenti, mentre da parte di un singolo committente il limite di incasso è 2500€. Anche in questo caso il lavoratore è pagato dall'INPS entro il 15 del mese successivo a quello in cui sono state svolte le prestazioni lavorative, sempre con bonifico su conto corrente / carta-conto o domiciliato in un ufficio postale, il committente paga tramite F24 con causale LIFA. Disponibile anche la procedura informatica AgID Pago Pa.

Voucher Inps per lavoro occasionale e contributi per la pensione - I voucher Libretto Famiglia non danno diritto a contributi per l'indennità di disoccupazione, ma comunque erogano contributi per la pensione. Compresa anche l'assicurazione Inail contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

I contributi previdenziali erogati coi voucher Libretto Famiglia sono pari al 20.62% sul totale della retribuzione percepita dal lavoratore e vanno nella sua posizione nella Gestione Separata INPS: considerato il massimo pagamento annuo di 5000 euro si ha quindi diritto a contributi per la pensione per 1031 euro, in pratica sono due mesi di contributi in quanto nella Gestione Separata occorre che ci sia un minimo annuo di versamenti per avere un anno di pensione (per il 2017 il minimo è 5130.84 euro), se meno si fa il rapporto mensile.

Nessun commento:

Trova offerte di lavoro in tutte le città italiane: