14 settembre 2018

Esame da Avvocato: Date e Sedi, Argomenti delle Prove

Cosa studiare per l'esame da avvocato, entro quando inviare la domanda, i requisiti necessari, sedi e giorni delle prove.
Sono state rese note sedi e date delle prove per l'esame da avvocato 2018: gli aspiranti avvocati, che dovranno aver terminato i 18 mesi di praticantato o i 12 mesi di pratica forense entro il 15 novembre, devono inviare la domanda di partecipazione entro il 12 novembre. Le prove come di consueto saranno tre scritte in tre giorni consecutivi - 11, 12 e 13 dicembre 2018 - a cui seguirà la prova orale.

Prove esame di avvocato: date e materie da studiare - Nel dettaglio, queste le tre prove scritte e le relative date di svolgimento:
  • parere motivato in materia regolata dal codice civile: martedi 11 dicembre
  • parere motivato in materia regolata dal codice penale: mercoledì 12 dicembre
  • atto giudiziario in materia di diritto privato o penale o amministrativo (a scelta del candidato): giovedì 13 dicembre
NB - Per l'esame da avvocato 2018 e anche per quello 2019 si potranno usare ancora i codici commentati perché il decreto Milleproroghe 91/2019 ha allungato per altre due sessioni le attuali regole per le prove.

Una volta che saranno comunicati i risultati delle tre prove scritte verrà anche resa nota la data della prova orale, di cui queste sono le materie da studiare: diritto costituzionale - diritto civile - diritto commerciale - diritto del lavoro - diritto penale - diritto amministrativo - diritto tributario - diritto processuale civile - diritto processuale penale - diritto internazionale privato - diritto ecclesiastico - diritto comunitario.

Per la prova orale dell'esame da avvocato, a cui si accede con almeno 90 punti totali nelle tre prove scritte di cui almeno due con almeno 30 punti, prevede obbligatoriamente diritto processuale e poi altre quattro materie a scelta del candidato, che verrà anche interrogato sui diritti e doveri dell'avvocato e sull'ordinamento forense.

esame da avvocatoSedi delle prove dell'esame di avvocato come di consueto saranno le sedi delle Corti di Appello, nello specifico queste in ordine alfabetico: Ancona, Bari, Bologna, Bolzano (sezione distaccata della Corte di appello di Trento), Brescia, Cagliari, Caltanissetta, Campobasso, Catania, Catanzaro, Firenze, Genova, L’Aquila, Lecce, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Potenza, Reggio Calabria, Roma, Salerno, Torino, Trento, Trieste, Venezia.

Domanda di partecipazione esame da avvocato - Va presentata online sul sito del Ministero della Giustizia entro lunedì 12 novembre: le modalità e la data di apertura per l'invio saranno rese note con specifiche istruzioni, ma non dovrebbero cambiare rispetto agli anni passati in quanto il form da compilare è sempre lo stesso, come anche il pagamento della tassa da 12.91 euro e il contributo spese da 50 euro; in seguito si dovrà pagare anche una marca da bollo da 16 euro alla Corte d’Appello dove si andrà a svolgere le prove.

Requisiti per l'esame da avvocato sono sempre gli stessi: laurea in giurisprudenza e l'aver terminato il praticantato presso uno studio di avvocati oppure, per chi viene dalla scuola di specializzazione, i 12 mesi di pratica forense. Da sottolineare che il termine è fissato al 15 novembre, tre giorni dopo quello per l'invio della domanda.

Nessun commento:

Trova offerte di lavoro in tutte le città italiane: