14 gennaio 2018

Pensione 2018 per Artigiani e Commercianti, Aliquote Contributive e Fasce di Reddito

Pensioni artigiani e commercianti, fasce di reddito e aliquote contributive aggiornate.
Commercianti e artigiani anche nel 2018 vedono alzarsi l'aliquota contributiva, rispettivamente al 24.09% e 24% per i redditi d'impresa fino a 46.123€, al 25.09% e 25% per i redditi d'impresa tra 46.124€ e 76.872€, che diventano 100.324€ per chi ha iniziato a lavorare e a versare i contributi solo dal 1 gennaio 1996. Come si nota, per i commercianti c'è uno 0,09% in più che è destinato al fondo per la razionalizzazione della rete commerciale e che si pagherà fino a tutto il 2018 (in pratica la "rottamazione negozi" o "indennizzo per cessata attività commerciale", non più disponibile ma che comunque deve essere finanziato per pagare le pensioni a chi lo ha ottenuto). Nel corso degli anni l'aliquota si è progressivamente alzata perchè con la Legge Fornero è stato introdotto un aumento dello 0,45% annuo.

Artigiani e commercianti devono rispettare la scadenza del 16 maggio entro cui pagare i contributi INPS, come ricorda lo stesso ente previdenziale nella circolare 15/2016 dove tra l'altro è scritto che l'aliquota dei contributi per la pensione delle due categorie di lavoratori autonomi arriverà gradualmente al 24% nel 2018.

NB 1: rimane valida la riduzione del 50% per i contributi degli autonomi oltre i 65 anni di età e già titolari di pensione ma che lavorano ancora. Occorre presentare apposita domanda. Sono esclusi i titolari di pensione di reversibilità.

NB 2: come detto ad inizio articolo, i commercianti pagano uno 0.09% in più rispetto agli artigiani per alimentare l'indennizzo per la cessazione definitiva dell'attività commerciale.
Leggi anche - Pensione Integrativa: conviene aderire ai fondi pensione?
Su quale base imponibile si calcolano i contributi per la pensione di artigiani e commercianti? Su tutti i redditi d'impresa che sono dichiarati a fini fiscali durante l'anno, con minimali e massimali fissati dalla Legge 233/1990. Come già spiegato ad inizio articolo ci sono due fasce di reddito con rispettive aliquote:
    aliquote contributive pensione commercianti e artigiani 2017
  • aliquote contributive commercianti e fasce di reddito: per redditi d'impresa dichiarati al Fisco fino a 46.123€ si paga il 24.09% di contributi (il minimale di reddito fissato a 15.548€ implica che chi ha dichiarato meno deve comunque pagare almeno 15.548 x 24.09% = 3745.51€), per i redditi compresi tra 46.124€ e il massimale di 76.872€, che diventano 100.324€ per chi non ha alcun contributo versato entro il 31 dicembre 1995, per l'anno 2017 si applica l'aliquota del 25.09%
  • aliquote contributive artigiani e fasce di reddito: per redditi d'impresa dichiarati al Fisco fino a 46.123€ si paga il 24% di contributi (il minimale di reddito fissato a 15.548€ implica che chi ha dichiarato meno deve comunque pagare almeno 15.548 x 24% = 3731.52€), per i redditi compresi tra 46.124€ e il massimale di 76.872€, che diventano 100.324€ per chi non ha alcun contributo versato entro il 31 dicembre 1995, per l'anno 2017 si applica l'aliquota del 25%
  • aliquote contributive giovani collaboratori commercianti e fasce di reddito: stesse fasce di reddito, le aliquote scendono a 21.09% e 22.09%% (età massima: 21 anni)
  • aliquote contributive giovani collaboratori artigiani e fasce di reddito: stesse fasce di reddito, le aliquote scendono a 21% e 22% (età massima: 21 anni)
Ovviamente per l'anno in corso i calcoli si fanno con base imponibile "provvisoria", ovvero per il 2018 le aliquote contributive su indicate si applicano al reddito d'impresa imponibile 2017; insomma i contributi versati nel 2018 sono di acconto, il conguaglio che deriva dal calcolo sui redditi d'impresa 2018 si fa nella primavera 2019.

Nessun commento:

Trova offerte di lavoro in tutte le città italiane: