20 giugno 2017

Come Si Diventa Guida Turistica: Requisiti e Abilitazioni

Quali abilitazioni per lavorare come guida turistica, esami da sostenere, come si lavora, iscrizione all'elenco nazionale.
In molti sognano di lavorare nel turismo: diventare guida turistica è forse la professione più gettonata e tra quelle professionalmente più qualificate. Per poter diventare una guida turistica di professione, non basta conoscere molto bene la città in cui si vive o essere dei grandi appassionati di arte, bisogna essere in possesso dell’abilitazione che viene rilasciata dalle Provincie Autonome o dalle Regione in cui si è residenti.

Stando alla definizione di legge, la guida turistica è una persona che per professione conduce gruppi di persone o singoli individui a visitare opere d'arte, musei, gallerie, scavi archeologici illustrando loro tutte le attrattive storiche, paesaggistiche, monumentali e artistiche del posto, assicurandosi di esporre in modo accurato tutte le informazioni necessarie per conoscere la storia e le tradizioni locali e facendogli visitare i luoghi che rappresentano e la caratterizzano la città o la regione in questione, approfondendo i singoli aspetti in risposta alle domande che gli vengono poste.

Come già anticipato, per diventare guida turistica c'è da superare l'esame di abilitazione che viene svolto ogni due anni dalla Regione in cui si è residenti, per scoprire le informazioni necessarie per poter poter partecipare all’esame di abilitazione e i requisiti necessari è bene collegarsi al sito istituzionale della propria Regione perchè, come per i requisiti per diventare giornalista pubblicista, possono variare leggermente. Possiamo già anticiparvi che secondo il decreto ministeriale dell’11 dicembre 2015 possono partecipare all’abilitazione per diventare guida turistica tutte le persone che abbiano compiuto i 18 anni e che siano in possesso di una laurea triennale in Scienze del Turismo; ovviamente l'accesso è anche per tutti i cittadini che fanno parte dell’Unione Europea ed i cittadini extracomunitari in possesso della cittadinanza italiana, in regola con le disposizioni in materia di immigrazione e di lavoro.

requisiti e abilitazioni per diventare guida turisticaChiarito questo vediamo come è strutturato l’esame da affrontare per diventare una guida turistica, che è diviso in tre prove: la prima prova è scritta e i candidati dovranno rispondere a domande di cultura generale, sull'organizzazione turistica italiana, su materie inerenti all’oggetto dell’abilitazione, sulle leggi e normative inerenti alla figura professionale della guida turistica. La seconda prova consiste in un colloquio orale in cui il candidato, oltre a confermare la conoscenza delle materie trattate nell’esame scritto, dovrà dimostrare padronanza delle lingue straniere. Superate le prime due prove si passa alla terza ed ultima prova che consiste in una simulazione in cui il candidato dovrà cimentarsi nel ruolo.

Ovviamente esistono manuali appositi per la preparazione della teoria ma anche specifici corsi che durano circa un anno, strutturati su lezioni teoriche e tirocini sul campo.
Leggi anche - Come Si Diventa Traduttore Professionale
Una volta superato l’esame di abilitazione bisogna effettuare l’iscrizione all'elenco nazionale delle guide turistiche e da quel momento in avanti si può incominciare a svolgere la propria professione: si lavora come guida turistica diventando dipendente di un agenzia di tour operator oppure in modo autonomo come free-lance, proponendosi sul mercato individualmente e direttamente ai turisti oppure "a chiamata" per agenzie turistiche e strutture varie, consigliato soprattutto a coloro che hanno maturato una buona esperienza nel campo.

Per poter diventare una buona guida turistica, oltre ad essere a conoscenza di diverse lingue straniere parlate in modo impeccabile e ad avere una preparazione molto solida per quanto riguarda la cultura generale, bisogna essere in grado di interessare ed intrattenere i turisti e per questo è indispensabile parlare in modo chiaro e spigliato, mostrarsi empatici ed essere consapevoli che per fare questo lavoro bisogna adeguarsi a lavorare nei weekend e nei giorni festivi, periodo in cui solitamente c’è maggior affluenza di turisti. Una guida turistica, soprattutto se ha da poco iniziato una carriera e lavora autonomamente, non ha uno stipendio fisso e deve accontentarsi delle opportunità che riesce a trovare.

Nessun commento:

Trova offerte di lavoro in tutte le città italiane: