10 maggio 2017

Jobs Act del Lavoro Autonomo: Novità e Più Tutele per Professionisti, Autonomi, Freelance

Approvato il Jobs Act del lavoro autonomo: nuove tutele e sgravi fiscali per partite Iva e professionisti, autonomi, freelance, ecco tutte le novità.
Jobs Act del lavoro autonomo: con questo termine si definisce il pacchetto di interventi approvato in via definitiva il 10 maggio 2017 per nuove tutele e sgravi fiscali a favore dei lavoratori autonomi con o senza partita Iva (liberi professionisti, artigiani, freelance ecc..). Dopo due anni dalla presentazione delle misure da parte del governo Renzi, con il sì del Senato giunto dopo quello della Camera datato 9 marzo sono finalmente definitive le novità su incentivi e deduzioni fiscali per le spese di formazione e aggiornamento professionale, servizi, polizze di assicurazione sui pagamenti in ritardo, congedo parentale, indennità di maternità e di malattia, proprietà intellettuale, tutele contro le clausole abusive.

A chi è rivolto il Jobs Act del lavoro autonomo - I rapporti di lavoro autonomo a cui si applicano queste novità sono quelle regolate dal Titolo III del Libro V del Codice Civile all'art 2222, ovvero "quei rapporti in cui il lavoratore si obbliga a compiere, verso un corrispettivo, un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente". Esclusi gli imprenditori, inclusi invece coloro che esercitano una professione intellettuale, regolamentata o meno.

Indennità di maternità per le lavoratrici autonome: importante sottolineare che potrà essere percepita anche continuando a lavorare e fatturare, ovvero la lavoratrice autonoma ha diritto comunque alla maternità, basterà fare domanda all'INPS. In precedenza la lavoratrice autonoma in maternità anticipata per gravidanza a rischio e in maternità obbligatoria doveva astenersi dal lavoro, pena la restituzione di quanto preso. Il rapporto di lavoro non si viene meno in caso di gravidanza per chi presta la propria attività in via continuativa per il committente.

Congedo parentale facoltativo: in pratica lavoratori autonomi e dipendenti sono equiparati e il congedo, spettante sia al padre che alla madre, diventa per un totale di sei mesi (e non più solo tre), fruibile fino al compimento dei 3 anni da parte del figlio / della figlia dando diritto alla retribuzione economica e ai contributi previdenziali. Attenzione! Il congedo parentale non è il congedo di maternità, sono cose diverse sia per il lavoro autonomo che per il lavoro dipendente: nella guida Congedo di maternità e congedo parentale tutti i dettagli.

Indennità di malattia per lavoratori autonomi: novità interessante visto che in caso di malattie o infortuni il rapporto di lavoro non si estingue ma sospeso per massimo 150 giorni (5 mesi); inoltre se la gravità è tale da impedire il normale svolgimento delle attività lavorative per più di 60 giorni, autonomi e professionisti potranno sospendere il pagamento degli oneri contributivi previdenziali fino a 2 anni, dopo di che il pagamento verrà dilazionato in rate mensili per un totale di tre volte il periodo di sospensione.

novità per lavoratori autonomi, approvato il jobs act del lavoro autonomoL'indennità di disoccupazione Dis Coll diventa strutturale dal 1 luglio 2017 e viene estesa anche agli assegnisti e ai dottorandi di ricerca. C'è però per i beneficiari dell'indennità un aumento dell'aliquota contributiva pari allo 0,51%. Per i casi riconosciuti dal 1° luglio 2017, non si applica il requisito in base al quale i soggetti possono far valere, nell'anno solare in cui si verifica l'evento di cessazione dal lavoro, un mese di contribuzione oppure un rapporto di collaborazione di durata pari almeno ad un mese e che abbia dato luogo a un reddito almeno pari alla metà dell'importo che dà diritto all'accredito di un mese di contribuzione. Va comunque specificato che la Dis Coll resta una indennità di disoccupazione per "collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, con esclusione degli amministratori e dei sindaci, iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS, non pensionati e privi di partita IVA, che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione".

Deduzioni fiscali per spese di formazione e aggiornamento professionale: anche questi costi spesso obbligatori per i professionisti e gli autonomi diventano deducibili al 100% fino ad un massimo di 10.000€ di spesa per master, corsi, convegni e congressi (no le spese di viaggio però), fino a 5000€ di spesa per servizi personalizzati di certificazioni di competenze, orientamento, ricerca, addestramento, sostegno all'auto-imprenditorialità, formazione o riqualificazione professionale erogati da organismi accreditati.
Ricordiamo agli interessati che dal 1 gennaio 2016 per la partita Iva agevolata c'è solo il regime forfettario.
Tempi certi per i pagamenti in quanto è previsto che debbano avvenire entro 60 giorni dalla fattura, eventuali clausole contrarie sono nulle. In pratica è un'estensione delle regole sui pagamenti tra imprese e Pubblica Amministrazione: anche per quelli tra autonomi e imprese, tra autonomi e PA, non si può superare il limite di 60 giorni per saldare una fattura al lavoratore autonomo, altrimenti scattano interessi di mora e sanzioni.

Deduzioni fiscali per spese di assicurazione sull'insolvenza dei pagamenti: anche in questo caso saranno deducibili al 100% fino a 5000€ i costi per le polizze facoltative contro il rischio di insolvenza del cliente (ovvero del committente che non paga un lavoro al lavoratore autonomo).

Nulle le clausole vessatorie che consentano al committente di recedere senza preavviso o di modificare unilateralmente il contratto.

Diritti intellettuali del lavoratore autonomo e del professionista: se nello svolgimento del lavoro affidatogli il lavoratore apporti invenzioni, innovazioni o migliorie, i diritti di sfruttamento economico non sono del committente ma del lavoratore autonomo, che potrà anche cederli a terzi. Ovviamente ciò non vale se l'invenzione, l'innovazione o la miglioria è proprio l'oggetto del lavoro per il quale è stato assunto.

Infine, col Jobs Act del lavoro autonomo si stabilisce che autonomi e professionisti sono equiparati alle piccole-medie imprese nell'accesso ai piani operativi regionali e nazionali a valere sui fondi strutturali europei e che pres­so i centri per l'impiego e gli organismi accreditati (agen­zie per il lavoro) sia installato uno sportello dedicato al la­voro autonomo.

Ribadiamo che il Jobs Act del lavoro autonomo è ancora in attesa del "sì" definitivo del Parlamento (aggiornamento 10 febbraio 2017).

Nessun commento:

Trova offerte di lavoro in tutte le città italiane: